lunedì 20 giugno 2011

Uova "buone" o uova "cattive"? Evita il 3 e scegli lo 0!


Se vi state chiedendo che cavolo di senso abbia il titolo di questo post significa proprio che dovete soffermarvi a leggere bene quanto segue. Avete presente il codice impresso nelle uova che comprate al supermercato? Sapete qual'è il suo significato? Nell'ultimo articolo che ho scritto per "L'infiltrato" cerco di spiegarlo e di mettervi in grado di scegliere con cognizione di causa che tipo di uova comprare. Vi riporto l'articolo così come lo trovate nella rubrica "Food&wine".

Uova "buone" – il significato del codice impresso sulle uova e l'orrore degli allevamenti in batteria

Le uova sono uno degli ingredienti base della cucina di quasi tutto il mondo. Le consumiamo in quantità spropositate, e non parlo di frittatine o di ovetti sodi... ma di tutti i tipi di pasta, impasti e dolci che le contengono! Sono pochissime le persone che le comprano direttamente dal contadino di fiducia, e i più che si recano al supermercato si trovano davanti decine di confezioni diverse, provenienti da altrettante aziende. Il problema è capire in base a cosa scegliere e quali sono le differenze. Ogni uovo ha un codice impresso nel guscio ma quasi nessuno sa a che cosa serve. La data di scadenza è impressa nell'incarto e allora che cos'è quel mix di numeri e lettere? E' quello che serve a far capire se un uovo è "buono" o "cattivo" e non solo qualitativamente ma soprattutto eticamente. Quel codice indica il tipo di allevamento di provenienza, la nazione d'origine e la provincia ma è bene analizzarlo in dettaglio. Il primo numero può essere 0, 1, 2 o 3 e indica la tipologia di allevamento delle galline ovaiole. Lo 0 rappresenta l'allevamento biologico: le galline razzolano liberamente sia all’esterno che all’interno di un capannone e ogni gallina ha a disposizione almeno dieci metri quadrati di spazio. Il terreno all’aperto è ricoperto da un manto erboso e comprende un piccolo stagno. Nel pollaio ci sono anche dei galli e le razze scelte sono tra le piu’ robuste e meno esposte a malattie anche se non estremamente produttive o di rapido sviluppo corporeo. Il mangime è costituito da cereali e mais ed è vietato l'uso di additivi per favorire la crescita, mangimi modificati geneticamente o composti da farine di pesce e scarti di altri animali. L' 1 rappresenta l'allevamento ruspante: le galline possono muoversi all’aperto per alcune ore e ognuna ha a disposizione quattro metri quadrati di spazio. Il terreno all’esterno è coperto da vegetazione. Il 2 rappresenta l'allevamento a terra: le galline si muovono liberamente ma in un ambiente chiuso. Ci sono sette animali per metro quadrato e parte del pavimento è cosparso di granaglie. L’illuminazione e’ sempre artificiale e nei capannoni, colmi di animali e quindi poco arieggiati, si puo’ svilluppare un’alta concentrazione di ammoniaca che rende aggressivi i volatili. Per evitare che gli animali si feriscano a vicenda, viene loro mozzato il becco bruciandone o strappandone la punta e non rendendoli mai più in grado di beccare normalmente. Il 3 rappresenta l'allevamento in batteria: le galline vengono allevate esclusivamente in gabbie di filo di ferro alte 40 cm e in un metro quadrato ne vengono stipate 18 impilando le gabbie in verticale. In pratica ogni gabbia è grande come una scatola di scarpe e la gallina la riempie totalmente senza possibilità di girarsi o muoversi. L'immobilità totale, la mancanza di aria pulita e la luce artificiale costante rendono gli animali soggetti a virus e a gravissime patologie. Questo tipo di allevamento verra’ abolito in tutta Europa dal 1 gennaio 2012. Dopo il primo numero, nel codice seguono due lettere che indicano la nazione di provenienza (IT sta per Italia, DE per Germania, ecc.). I successivi tre numeri rappresentano il codice del comune nel quale vengono allevate le galline, le seguenti due lettere sono la sigla della provincia (RM sta per Roma, AN per Ancona, ecc.) e le ultime tre cifre sono il codice dell'allevamento. Ovviamente le uova con il numero 3 costano poco, a volte anche meno della metà di quelle con il numero 0, perchè le aziende hanno meno spese sia per quel che riguarda il mangime che soprattutto per la quantità ridotta di terreno. Inoltre rendono artificialmente più produttive le galline con conseguente aumento del numero di uova da poter vendere. Nei supermercati italiani l'80% delle uova in vendita provengono da allevamenti a batteria e spesso le persone scelgono unicamente in base alla convenienza del prodotto. Ma siete sicuri di voler ancora risparmiare quell'euro di differenza sapendo cosa comporta? Veramente sareste in grado di mangiare uova numero 2 o 3 senza avere sensi di colpa? Le parole non sempre bastano mentre le immagini, pur difficili da vedere, raggiungono più facilmente lo scopo. Per questo il consiglio è di vedere i seguenti video per poter scegliere con cognizione di causa. Li trovate a questi link:





Pin It

16 commenti:

  1. Caspita!!!!!!!!! Ignoravo completamente queste cose!!!!!!!!! Ora starò molto ma molto più attenta! Spero che non ti dispiaccia, condividerò il blog sul mio facebook!!!!!!

    RispondiElimina
  2. @ pausina: purtroppo ci sono molte persone che non sono a conoscenza di queste cose...è bene diffonderlo quindi certo che nn mi dispiace se lo condivi...anzi ti ringrazio! ;-)

    RispondiElimina
  3. Grazie per aver condiviso con tutti noi queste informazioni, tutti dovrebbero sapere, per questo divulgherò anche io quanto dici su questo post... Alessia

    RispondiElimina
  4. @ mentapiperita: grazie mille! è imprtante far sapere a tutti! Dovrebbero scirverlo chiaro nelle confezioni invece di limitarsi ad un codice di lettere e numeri ma dato che così è, bisogna che ci informiamo attivamente noi

    RispondiElimina
  5. utilissima segnalazione,io sto sempre molto attenta a queste cose,ed ora che sto dando l'uovo al piccolo lele,con queste utilissime info,nn staro' un'ora intera a cercare le varie differenze sulle qualita'di uova al supermercato!!

    RispondiElimina
  6. davvero interessante e utile! grazie! ;)

    RispondiElimina
  7. io non ce la faccio a guardare i video, starei troppo male, ma a mia figlia li hanno proiettati a scuola ed era tornata a casa sconvolta... da allora compro soltanto ed esclusivamente uova codice 0 e lo dico sempre anche nelle mie ricette.
    grazie, sei stata bravissima

    RispondiElimina
  8. Io sono cresciuta con le uova 0.Quelle di mia mamma.Quindi le riconosco a "occhi chiusi".La qualità costa, si sà!

    RispondiElimina
  9. Grazie Agnese per questo post, non conoscevo il significato dei codici sulle uova e la tua spiegazione è illuminante...per i video, beh, sono riuscita a guardare solo l'inizio del primo, non riesco ad andare oltre :-( Io sono tra le poche fortunate che mangia uova di galline "felici", visto che il papà del mio ragazzo ha le galline che scorazzano liberamente nel suo orto, con i pulcini che crescono vicini alle chiocce e credimi, la differenza con quelle acquistate al super si sente e tanto. Condividerò anche io con i miei contatti. Grazie
    Camy

    RispondiElimina
  10. beh, il codice 0 è sempre da prediligere... io sono anni che sto attenta, perchè l'idea degli allevamenti intensivi mi fa orrore. ciao e grazie per averlo ricordato!

    RispondiElimina
  11. Sono felice di vedere che molte di voi già prestavano attenzione a questa cosa e molto più felice per essere stata utile a chi invece non ne era a conoscenza. @ le temps des cerises: anch'io la prima volta mi sono fermata nemmeno a metà del primo video ma poi mi sono forzata per finirlo. Lo volevo inserire nel post quindi era giusto che sapessi cosa mostra.

    RispondiElimina
  12. Ti abbiamo appena scoperto su FaceBook e con entusiasmo ti seguiamo anche qui come followers! ;)
    Splendido blog e bellissime foto!
    Complimenti!

    Francesca & Pietro di SingerFood & Chiccherie

    http://singerfood.blogspot.com/

    RispondiElimina
  13. Qui in Arabia questo tipo di regolamentazione e codice non c'e', ma ora che saro' in Italia per le vacanze faro' attenzione eccome!
    Grazie mille.

    RispondiElimina
  14. grazie per gli utilissimi consigli, non guastano mai e bisogna sempre avere l'occhio attento :)

    RispondiElimina
  15. Brava Agnese, un ripassino non fa mai male! :) [io lo specifico sempre nelle ricette, ma mi chiedo se qualcuno poi ci faccia veramente caso]

    RispondiElimina
  16. Grandissima, retwitto subitissimo

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...